FAI - Fondo Ambiente Italiano

Proprietà diGenerali

Audio

Carlo Scarpa

Arredare

prolusione all’anno accademico iuav 1964-1965
a cura di Sergio Polano
allegato a Casabella 698 del marzo 2002

Carlo Scarpa (1906 – 78) è stato uno dei maggiori protagonisti dell’architettura nel novecento: un vero maestro, nel senso più ampio del termine. Del suo magistero resta una ricchissima documentazione di mirabili progetti (da poco meritoriamente trasferita in mani pubbliche) e la tangibile costruttiva prova di rare preziose opere (da proteggere dalle incurie umane e dall’assalto del tempo) ma anche il ricordo ancor vivo della sua attività educativa nelle aule universitarie. Fortunosamente recuperata dall’oblio e a onta dei modesti mezzi tecnici con cui fu effettuata, la registrazione audio integralmente riversata in questo cd è una testimonianza straordinaria dei modi del suo insegnamento, dell’eloquenza peculiare del “professore” (come da allievi e collaboratori era ed è chiamato), impacciata e svagata quanto colta, fascinosa e penetrante. È la prolusione – lectio magistralis ad ogni effetto – tenuta da Carlo Scarpa il 18 marzo 1964, per l’inaugurazione dell’anno accademico presso l’iuav istituto universitario di architettura di Venezia, sul tema dell’arredamento (ndr: un breve estratto è trascritto in Francesco Dal Co e Giuseppe Mazzariol, Carlo Scarpa 1906 – 1978, Electa, Milano 1984), che diviene occasione per discettare di ornamento e decorazione, spazialità e materialità, naturalezza e artificio, sul filo di una personale poetica fondata su un’etica severa del proprio mestiere: “come architetti non abbiamo ancora riscattato la forma delle cose umili e semplici”.

Sergio Polano